Ordinare

samuele agnolin
  • 23 ottobre 2016
  • livello: base   2 minuti

In Excel è possibile ordinare in ordine alfabetico celle di testo, in maniera crescente o decrescente intervalli di numeri, ordinare dal meno recente al più recenti intervalli di date. Inoltre è possibile ordinare anche rispetto al colore del carattere, del riempimento delle celle e delle icone.

1. Ordinare rispetto ad una colonna

Se vogliamo ordinare righe in ordine alfabetico su una colonna e se l’elenco da ordinare non ha righe o colonne vuote e allora è sufficiente posizionarsi su una qualsiasi cella della colonna rispetto alla quale si vuole ordinare e richiamare il comando A-Z per ordinamento crescente oppure Z-A per ordinamento decrescente, presenti della scheda Home, voce Ordina e filtra.

excel ordinare

Da notare come excel riesca a personalizzare il messaggio presente accanto ai pulsanti A-Z e Z-A: quando vogliamo ordinare per data il messaggio di ordinamento crescente è “Ordina dal meno recente al più recente“, quando ordiniamo numeri è “Ordina dal più piccolo al più grande”, quando ordiniamo testo è “Ordina dalla A alla Z”.

ordina per data

Ordinare per data, per numeri e testo


 
Se l’elenco presenta righe o colonne vuote allora è necessario selezionare l’intero intervallo! Il rischio altrimenti è quello di andare ad ordinare solamente una parte dell’elenco.



2. Ordine alfabetico su più colonne

Se vogliamo ordinare colonne multiple dobbiamo richiamare il comando il comando Ordinamento personalizzato, nella scheda Home voce Ordina e filtra.

Il comando Ordinamento personalizzato consente di specificare una prima chiave di ordinamento e di aggiungere eventualmente altre chiavi.

ordinamento personalizzato

ordinamento personalizzato


 
Anche in questo caso, selezioniamo la tabella in caso di presenza di righe o colonne vuote

selezione tabella per ordinamento

La voce Dati con intestazioni, se spuntata, sta a significare che l’elenco ha una prima riga composta da intestazioni che devono restare nella prima riga, non devono entrare nel meccanismo dell’ordinamento. Quasi sempre Excel interpreta correttamente la presenza o meno delle intestazioni. Buona norma comunque verificare ed eventualmente modificare manualmente mettendo od inserendo manualmente la spunta.

 
I comandi A-Z, Z-A ed ordinamento personalizzato sono richiamabili sia da scheda Home che da scheda Dati, gruppo Ordina e filtra.

scheda dati ordina

dati ordina e filtra

Scheda Dati – Ordina e filtra





3. Attenzione alla selezione

Un possibile grave errore che bisogna assolutamente evitare è quello di selezionare solo una parte dell’elenco. In questo andremmo a cambiare l’ordine dei dati su una sola colonna mentre i dati delle altre colonne rimarrebbero invariati. Perderemmo così la corrispondenza tra i dati di una stessa riga!

estendere la selezione

Estendere la selezione

In caso di selezione parziale Excel ci mostra una finestra nella quale ci avvisa del probabile errore e ci consente di estendere la selezione a tutto l’elenco. Excel ci avvisa proponendo il messaggio:

Esistono dei dati vicino alla selezione. Poiché non sono stati inclusi nella selezione, questi dati non saranno ordinati.” Tra le due opzioni proposte andremo a scegliere “Espandere la selezione”.

4. Ordina per colore

Un elenco può contenere delle celle colorate manualmente o colorate attraverso la formattazione condizionale. Excel ci consente di ordinare non solo rispetto al contenuto delle celle, come visto sopra, ma anche di colorare per colore del testo, per colore di sfondo della cella o per base ad una icona presente nella cella.

Dove scegliamo questo tipo di ordinamento? Ci basta utilizzare l’impostazione “Ordina in base a” dell’Ordinamento personalizzato è possibile scegliere di ordinare rispetto ad un determinato colore.

ordina per colore

Ordina per colore

L’ordinamento può essere effettuato anche in base alle icone presenti nelle celle.

ordina per icona

Ordina per icona




Inserisci un commento